XII - L'INFINITO

di Giacomo Leopardi 15.09.2015
Sempre caro mi fu quest'ermo colle,
E questa siepe, che da tanta parte
Dell'ultimo orizzonte il guardo esclude.
Ma sedendo e mirando, interminati
Spazi di là da quella, e sovrumani
Silenzi, e profondissima quiete
Io nel pensier mi fingo; ove per poco
Il cor non si spaura. E come il vento
Odo stormir tra queste piante, io quello
Infinito silenzio a questa voce
Vo comparando: e mi sovvien l'eterno,
E le morte stagioni, e la presente
E viva, e il suon di lei. Così tra questa
Immensità s'annega il pensier mio:
E il naufragar m'è dolce in questo mare.

Nuovo commento

Contatti

Arduino Sacco Editore Luigi Barzini, 24
00157 Roma

Telefono: 064510237

La risposta alla vostra email è prevista entro tre giorni. Per comunicazioni urgenti contattare il numero 3703351881

Se non ricevi risposta inviaci uno screenshot al numero indicato su whatsapp per permettere ai nostri operatori di rintracciare la posta smarrita.

Alcuni manoscritti non arrivano nella nostra posta pertanto chiamaci telefonicamente e non trascurare o pensare che lo abbiamo scartato. Chiamaci telefonicamente e insisti!

Grazie La redazione
redazionesacco@outlook.it Blog: iniziativearduinosaccoeditore.blogspot.it